Ebc
cerca
Cartella Normativa apprendistato Normativa apprendistato
torna indietro stampa questa pagina torna in alto
Ebc
ACCORDO DI RIORDINO SULL’APPRENDISTATO NEL SETTORE TERZIARIO, DISTRIBUZIONE E SERVIZI

E’ stato sottoscritto il 24 marzo scorso, in occasione del Forum di Cernobbio, il primo accordo nazionale per il riordino dell’apprendistato, in attuazione del Decreto Legislativo n. 167/2011.

Nel solco di quanto già concordato con l’intesa sulla disciplina transitoria del 14 dicembre scorso, le parti hanno concluso il confronto per il recepimento della disciplina contenuta nel Testo Unico sull’apprendistato, confermando l’impianto generale contenuto nell’accordo sull’apprendistato professionalizzante con formazione esclusivamente aziendale del 23 settembre 2009, la centralità del ruolo della bilateralità e definendo le figure professionali del comparto del terziario, della distribuzione, dei servizi, sovrapponibili a quelle dell’artigianato per la quali è stata prevista una durata maggiore del contratto di apprendistato.

Infatti, in base al disposto del citato Decreto ed ai successivi chiarimenti forniti dal Ministero del Lavoro (con la risposta ad interpello n. 40 del 26 ottobre 2011) , si è creata una regolamentazione che ha consentito di confermare, nell’intesa raggiunta, anche deroghe e modifiche ad alcune rigidità, ad esempio in materia di tutor e di quantità della formazione. Ma, certamente, il risultato principale è stato quello di rafforzare uno strumento in grado di superare le diversità e le incompletezze dei sistemi regionali, attraverso un’intesa valida unitariamente su tutto il territorio nazionale.

L’intesa, infatti, non è derogabile dalla contrattazione integrativa di secondo livello.

Le aziende sono chiamate ad investire, quindi, sull’attuazione di un nuovo percorso che le vede coinvolte direttamente nella gestione del contratto di apprendistato, con il duplice vantaggio di una durata decisamente inferiore di ore di formazione di base a fronte di una più mirata e specifica attività formativa professionalizzante che consente sia all’azienda che all’apprendista l’ottenimento di competenze più adeguate alle mansioni che al termine del percorso formativo si dovranno conseguire.

Attraverso la sottoscrizione della suddetta intesa le parti hanno confermato e valorizzato anche il ruolo della bilateralità inserendo il riferimento al passaggio obbligato all’ente bilaterale per l’ottenimento del parere di conformità precedentemente già previsto dal CCNL Terziario nell’ambito della procedura di attuazione dello stesso contratto di apprendistato professionalizzante.

In allegato l'accordo.


Allegati

Commenti Commenti 0 - Commenta L'articolo
Copyright 2017 © Enti Bilaterali della provincia di Varese Copyrights & Disclaimer
Via Valle Venosta, 4 - 21100 VARESE - C.F. 95035190123 - tel. 0332 342207 - fax. 0332 335518 - info@entibilaterali.va.it Credits