Ebc
cerca
Cartella News News
torna indietro stampa questa pagina torna in alto
Ebc
INPS-LAVORATORI SOSPESI UTILIZZATI IN PROGETTI DI FORMAZIONE E RIQUALIFICAZIONE:CHIARIMENTI

Come già avvenuto per l’Inail (vedi com. n. 68 del 21.5.2010), anche l’INPS ha fornito chiarimenti sui criteri applicativi per l’utilizzo, per gli anni 2009 e 2010, da parte dell’impresa di appartenenza, dei lavoratori percettori di trattamento di sostegno al reddito in costanza di rapporto di lavoro, in progetti di formazione e riqualificazione che possono includere attività produttiva connessa all’apprendimento.

 

Tale possibilità, introdotta dal D.L. 78/2009 fra le misure “anticrisi”, è, comunque, subordinata alla presenza di uno specifico  accordo stipulato dalle parti sociali che sottoscrivono l’accordo sugli ammortizzatori sociali in sede ministeriale.

 

Soggetti interessati

 

I progetti di formazione o riqualificazione professionale possono essere rivolti ai seguenti lavoratori, in condizioni di sospensione dall’attività lavorativa:

-lavoratori in cassa integrazione guadagni ordinaria (CIGO);

-lavoratori in cassa integrazione guadagni straordinaria(CIGS);

-lavoratori sospesi per contratti di solidarietà;

-lavoratori destinatari della cassa integrazione guadagni in deroga;

-lavoratori sospesi per crisi aziendali ed occupazionali percettori dell’indennità di disoccupazione ai sensi dell’art.19, comma 1, del decreto legge n.185/2008, convertito, con modificazioni, nella legge 2/2009.

 

Accordi

 

I datori di lavoro interessati all’utilizzo dei citati progetti devono sottoscrivere specifico accordo presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale tutela condizioni di lavoro- e, qualora previsto, con le parti sociali che hanno sottoscritto l’accordo relativo agli ammortizzatori sociali.

Sulla base di apposita delega del direttore generale, l’accordo può essere stipulato anche  presso le direzioni regionali o provinciali del Ministero del lavoro ove ha sede l’unità produttiva interessata ai citati progetti.

Nel caso di lavoratori percettori di trattamenti cig in deroga, rientranti negli interventi di sostegno al reddito sanciti dall’Accordo Stato-Regioni del 12 febbraio 2009, l’accordo deve essere sottoscritto anche dalla Regione o Provincia Autonoma interessata.

 

Progetti

 

Il progetto di formazione o riqualificazione, elaborato dal datore di lavoro, deve prevedere le seguenti specifiche:

-          contenuti e durata del progetto;

-          modalità di svolgimento dell’intervento formativo.

A conclusione del progetto, deve essere inviata ai soggetti  oggetto della stipula dell’accordo in sede istituzionale, un’informativa relativa alla realizzazione dell’intervento, unitamente all’elenco dei lavoratori formati ed agli esiti dell’apprendimento.

Adempimenti datori di lavoro

 

Entro 30 giorni dalla stipula dell’accordo e, comunque, prima dell’inizio dell’intervento formativo, il datore di lavoro deve comunicare i nominativi dei lavoratori interessati a tale intervento alla Sede Inps che autorizza/eroga la prestazione di sostegno al reddito, utilizzando il modello allegato.

Nel caso di accordi già stipulati, il termine decorre dal 6 agosto 2010.        

 

Incentivo

 

Ricordiamo che ai lavoratori utilizzati nei progetti di formazione e riqualificazione verrà corrisposta, a titolo di incentivo ed a carico del datore di lavoro,  la differenza fra il trattamento di sostegno al reddito già in fruizione (al lordo del prelievo contributivo) e l’importo della retribuzione lorda originaria.

Il trattamento di sostegno al reddito già in godimento continuerà, comunque, ad essere erogato con le stesse modalità utilizzate antecedentemente alla data dell’accordo attuativo dei piani di formazione.

 

Accredito contribuzione figurativa

 

Ad ogni lavoratore interessato dai predetti progetti di formazione e riqualificazione, l’Inps provvederà ad accreditare, sulla posizione individuale dello stesso, la contribuzione figurativa corrispondente alla tipologia di trattamento di sostegno al reddito percepita, contribuzione utile ai soli fini pensionistici.

Va sottolineato, pertanto, che sull’incentivo corrisposto al lavoratore,  i datori di lavoro sono comunque  tenuti a versare le contribuzioni minori.

Rif   Msg. Inps n. 20810 del 6 agosto 2010

Decreto-legge n. 78 del 1° luglio 2009, art. 1, conv. in Legge 102 del 3.8.2009

Decreto interministeriale n. 49281 del 18.12.2009

Com. n. 68 del 21.5.2010

Com. Direzione Generale prot. 02577 del 29 luglio 2009.

 

 

Commenti Commenti 0 - Commenta L'articolo
Copyright 2017 © Enti Bilaterali della provincia di Varese Copyrights & Disclaimer
Via Valle Venosta, 4 - 21100 VARESE - C.F. 95035190123 - tel. 0332 342207 - fax. 0332 335518 - info@entibilaterali.va.it Credits