Ebc
cerca
Cartella News News
torna indietro stampa questa pagina torna in alto
Ebc
DECRETO LEGGE 21 GIUGNO 2013, N. 69

Decreto Legge 21 giugno 2013, n. 69 recante "Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia" (c.d. "decreto fare") – Pubblicazione in Gazzetta ufficiale
E' stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n. 144 del 21 giugno c.a. (Suppl. Ordinario n. 50), il Decreto Legge recante "Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia" (c.d. "decreto fare").
Le misure intendono fornire risposta alle raccomandazioni di semplificare il quadro amministrativo e normativo per i cittadini e le imprese, nonché di abbreviare la durata dei procedimenti civili e di sostenere il flusso del credito alle attività produttive, anche migliorando l'accesso ai finanziamenti.

Entrato in vigore sabato 22 giugno c.a., il decreto è stato trasmesso alla Camera dei deputati dove è stato assegnato alle Commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio per il consueto iter di conversione che dovrà concludersi, a pena di decadenza, entro il prossimo 20 agosto.
Si riporta, di seguito, una sintesi delle principali disposizioni in materia di "Sicurezza sul Lavoro".
 

Rischi da interferenze nelle lavorazioni (art. 32, comma 1, lettera a)

Viene previsto che l'obbligo di redazione del "documento unico di valutazione delle interferenze" (DUVRI) possa essere sostituito dall'individuazione, a carico del datore di lavoro committente, di un responsabile che sovrintenda e vigili sulle attività appaltate o affidate a lavoratori autonomi e che di tale incarico venga data evidenza nel contratto d'appalto o d'opera.
Viene fissato in "10 uomini–giorno" il limite entro il quale è previsto l'esonero dall'obbligo di redazione del DUVRI, sempre che non si tratti di esposizione a rischi derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, biologici o atmosfere esplosive.

Valutazione dei rischi per attività a basso indice di infortuni (art. 32, comma 1, lett. b)

Demandata, ad un apposito decreto del Ministero Lavoro (da adottarsi entro 60 giorni dalla entrata in vigore della legge di conversione), l'individuazione dei settori di attività a basso indice infortunistico, da individuarsi sulla base di parametri e criteri oggettivi, ricavati dagli indici infortunistici di settore dell'Inail, per i quali i datori di lavoro possono attestare di aver effettuato la valutazione dei rischi sulla base di un modello semplificato allegato al futuro decreto.

Formazione e aggiornamento per i lavoratori, dirigenti, preposti e rappresentanti lavoratori per la sicurezza (art. 32, comma 1, lett. d)
Previsto il riconoscimento del credito formativo sulla formazione già erogata, per durata e contenuti, al fine di evitare una sovrapposizione degli stessi nel caso di svolgimento di più percorsi formativi in capo ad uno stesso soggetto lavoratore.


Misure di semplificazione per le prestazioni lavorative di breve durata (art. 35)

Demandato ad un apposito decreto del Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministero della Salute, il compito di definire misure semplificative degli adempimenti per la formazione, informazione e sorveglianza sanitaria, ove la prestazione del lavoratore presupponga una permanenza in azienda non superiore a cinquanta giornate lavorative nell'anno solare di riferimento. Ciò al fine di tenere conto, mediante idonee attestazioni, degli obblighi assolti dallo stesso o da altri datori di lavoro nei confronti del lavoratore.


 

 

 


Allegati

Commenti Commenti 0 - Commenta L'articolo
Copyright 2017 © Enti Bilaterali della provincia di Varese Copyrights & Disclaimer
Via Valle Venosta, 4 - 21100 VARESE - C.F. 95074050121 - tel. 0332 342207 - fax. 0332 335518 - info@entibilaterali.va.it Credits